Unifeed Italmix, un prodotto ideale e super funzionale

29 Luglio 2020

Il carro unifeed Italmix è uno dei prodotti di punta dell’azienda che produce macchinari per l’allevamento. Lo scopo di Italmix, infatti, è quello di alleggerire il carico di lavoro di coloro che sono impiegati nell’allevamento professionale, attraverso l’automazione di azioni che venivano svolte in precedenza in modo manuale.

Attualmente, infatti, per produrre una razione di cibo “unica” per bovini e altri animali, gli allevamenti più competitivi sul mercato utilizzano macchinari appositi, in grado di garantire un risultato omogeneo che consenta all’animale di esser nutrito con tutte le sostanze di cui necessita.

I vantaggi dell’unifeed italmix

La macchina da preferire per la miscelazione del foraggio è di sicuro l’unifeed, in quanto ormai il marchio, attivo nel settore dal 1995, è garanzia di affidabilità, qualità e convenienza dei suoi carri miscelatori. In più, garantisce una razione finale ottenuta senza maltrattare e snaturare le materie prime, consentendo agli animali di ingerire tutti i nutrienti.

Inoltre, da considerare sono anche i costi di manutenzione e quelli legati all’utilizzo del carburante, in quanto l’unifeed Italmix garantisce minori consumi rispetto ad alcuni concorrenti reperibili sul mercato.

 Quale carro unifeed è il migliore?

Scegliere tra le diverse tipologie di unifeed può essere impresa ardua, ma ci sono dei fattori dai quali non si può prescindere prima di effettuare l’acquisto. In primis, il volume del carico che si intende utilizzare.

I carri unifeed trainati, infatti, consentono di inserire un volume di carico da 10 a 50 m3, mentre quelli stazionari ben 60 m3 e quindi si adattano meglio ad allevamenti di grandi dimensioni. Nel nostro Paese, solitamente, sono diffusi carri unifeed italmix di piccole dimensioni, con un volume di circa 10/21 m3.

L’azienda Italmix offre una soluzione per qualsiasi tipologia di carro si scelga di acquistare, compresi i carri stazionari che possono essere personalizzati a seconda dello spazio a disposizione nell’allevamento di destinazione.